Intervista a Maria Teresa Amore

Intervista alla scrittrice Maria Teresa Amore Nome: Maria Teresa Cognome: Amore Regione di residenza: Liguria Email: mt.amore@libero.it  Intervista Ci racconti un po’ di lei e del suo approccio al mondo della scrittura >Scrivo da sempre. La prima poesia a 13 anni e poi….. Qual è stato il suo percorso di studi? >Maturità classica, Laurea in Farmacia, tre anni di Scienze Politiche Quando e perchè ha iniziato a scrivere? >Perchè scrivendo apro una magica porta sui miei pensieri In termini umani, cosa significa per lei scrivere? >Un colloquio con la propria interiorità, una verifica della propria crescita personale.Proiezione dell’inconscio verso l’esterno.

Intervista alla scrittrice Maria Teresa Amore

Nome: Maria Teresa
Cognome: Amore
Regione di residenza: Liguria
Email: mt.amore@libero.it

 Intervista

Ci racconti un po’ di lei e del suo approccio al mondo della scrittura

>Scrivo da sempre. La prima poesia a 13 anni e poi…..

Qual è stato il suo percorso di studi?

>Maturità classica, Laurea in Farmacia, tre anni di Scienze Politiche

Quando e perchè ha iniziato a scrivere?

>Perchè scrivendo apro una magica porta sui miei pensieri

In termini umani, cosa significa per lei scrivere?

>Un colloquio con la propria interiorità, una verifica della propria crescita personale.Proiezione dell’inconscio verso l’esterno.

Quali sono i suoi libri del cuore?

> Troppi per poterli elencare tutti. Gli autori, piuttosto: Austen, Virginia Woolf, Henry James, Proust……..

E quelli che non leggerebbe mai?

>Quelli con trame porno o eccessivamente violente

Il libro più bello che ha letto negli ultimi tre anni?

>Omde di V.Woolf

E quello che meno le è piaciuto?

>Va dove ti porta il cuore. Tamaro

Qual è il rapporto con la sua regione e con la sua terra?

>Viscerale

Cosa le piace e cosa non le piace dell’editoria odierna italiana?

>Mi piace la vivacità della produzione che offre più possibilità di lettura e di pubblicazione. Non mi piace la dispersione e la difficoltà d’orientamento.

Cosa le piace e cosa non le piace del panorama culturale italiano d’oggi?

> Mi piace il dibattito e l’informazione. Non mi piace il potere persuasivo e strisciante della comunicazione pseudointellettuale, troppo influenzata dal potere economico.

Come è arrivato alla pubblicazione del suo lavoro?

>Non ho ancora pubblicato. Ho due libri in itinere. Uno terminato, l’altro in via di chiusura.

Cinema: qual è il suo film preferito?

> La strada di Fellini

Musica: la canzone del cuore?

>Tutto De andrè

Ha frequentato corsi di scrittura creativa?

> No

Ritiene siano utili?

>Probabile.

Quale ritiene sia l’aspetto più complesso della scrittura narrativa?

>Riuscire ad esprimere le emozioni con una forte intensità, ma non “di maniera”

Come scrive: su carta o al computer? Di giorno o di notte? In solitudine o fra altre persone? Segue “riti” particolari?

>Computer. Prevalentemente di giorno. Posso scrivere ovunque. No.

Come è nata in lei l’idea di raccontare quel che ha raccontato nel suo libro più recente?

> A seguito di un viaggio in Siria che mi ha affascinato per i suoi colori, per la sua storia, per i suoi profumi, per le emozioni che mi ha regalato.

Cosa significa per lei raccontare una storia?

>Vivere un’altra vita disegnata, però, dall’essenza del mio modo di essere e di sentire.

Preferisce cimentarsi col racconto o col romanzo?

>Romanzo, anche se ho scritto dei racconti divertenti e con una vena ironica molto sviluppata.

Ci dia una sua definizione dell’uno e dell’altro?

>Il racconto: un breve spazio all’interno di un lungo cammino. Il romanzo è un viggio nell’inconscio proiettato all’esterno

Come ha scelto il titolo del suo libro più recente?

>L’ho intitolato con il nome della protagonista femminile perchè ne è l’anima.

Quanto tempo ha impiegato per scriverlo?

>Circa un anno, ma non è ancora finito. La fine è forte e impegnativa e mi turba. Ma devo andare avanti.

Ha vinto premi letterari?

>No. Mai partecipato.

Crede nei premi letterari?

>No

Ha altri progetti in cantiere?

>No, per il momento

2 Commenti

  1. Giovanni Lattanzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *