Sullo spuntone di uno scoglio nella notte,
muto ascoltavo il mare.
Sul viso assaporavo sputi di onde rotte
e la brezza gentile alleggeriva il mio pensare.

La luna affogava all’orizzonte
e il suo pianto increspava il mare,
illuminava l’acqua e i suoi flutti rugosi
che verso riva ondeggiavano sinuosi.

Scintille di lacrime tinteggiavano l’oscurità
mi staccai sospeso da ogni realtà.
Quel divino dipinto mi saziava l’anima
e nella luna versai commosso la mia lacrima.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *