Similitudini, di Allen Prenier

Com’è lo scritto è l’è Senza ulteriori volate Mentre i vecchi sputano e i palloncini, gialli, trattengono il respiro I fiori sono dipinti E incarniti nel marmo E incarniti nella carta Termini comuni Usati e abusati Ma il verde resiste Seppur non considerato Seppur acconciato e imbruttito Dalla sua stessa Lurida Mano Si alza prezioso e timido Su terra scalza e asettica Mai più terra toccherà terra Solo un piccione toccherà terra

Com’è lo scritto è l’è
Senza ulteriori volate
Mentre i vecchi sputano e i palloncini, gialli, trattengono il respiro
I fiori sono dipinti
E incarniti nel marmo
E incarniti nella carta
Termini comuni
Usati e abusati

Ma il verde resiste
Seppur non considerato
Seppur acconciato e imbruttito
Dalla sua stessa
Lurida
Mano
Si alza prezioso e timido
Su terra scalza e asettica
Mai più terra toccherà terra
Solo un piccione toccherà terra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *