Winter, di Davide Villa

Eccola, la stagione che non stavi aspettando, Al mattino, attendi il treno congelando, Tutti i giorni a casa a studiare, la sera allenamenti, E non hai neanche il tempo di vivere dei bei momenti. È la stagione delle giornate corte, del buio presto, Quando alle quattro già accendi la luce perché non vedi il resto, Ma ciò che vedi chiaro e distinto, È l’ombra di un ricordo che nel tuo pensiero è come un dipinto. Come quei quadri che passano gli anni, e non cambiano mai, I ricordi li ritrovi davanti anche quando non lo sai, A volte basta una

Eccola, la stagione che non stavi aspettando,
Al mattino, attendi il treno congelando,
Tutti i giorni a casa a studiare, la sera allenamenti,
E non hai neanche il tempo di vivere dei bei momenti.

È la stagione delle giornate corte, del buio presto,
Quando alle quattro già accendi la luce perché non vedi il resto,
Ma ciò che vedi chiaro e distinto,
È l’ombra di un ricordo che nel tuo pensiero è come un dipinto.

Come quei quadri che passano gli anni, e non cambiano mai,
I ricordi li ritrovi davanti anche quando non lo sai,
A volte basta una giornata di pioggia e una semplice canzone,
Che la tua mente va in tempesta, e gridi la tua dannazione.

Ma in fondo, l’inverno porta anche delle belle cose,
Le passeggiate in centro tra i venditori di rose,
Le cioccolate insieme, i libri e le coperte,
Tante strade insieme, le vie sono tutte aperte.

E entrate di qua e di là, a cercare i regali di Natale,
“Basta frittelle o diventerai un maiale!”
Alzi lo sguardo e vedi tante stelline brillanti,
Ma sono solo le sei di pomeriggio, la notte è ancora troppo avanti.

La notte sopraggiunge, il buio ormai c’è da ore,
Ti infili sotto il piumone, e, finalmente, caldo e tepore,
Ma anche nel deserto rovente, una distesa di freddo e gelo,
Ma è il tuo cuore, landa desolata, senza un fiore, una pianta, uno stelo.

Perché in fondo, l’inverno tutti lo amiamo,
Tutti i momenti insieme vi fanno sussurrare un “ti amo”,
Ma anche la cioccolata a volte è amara,
E si passano tanti inverni senza una persona cara,
E pensi che la vera gioia sia come uno scherzo a carnevale,
Ma a volte la vita sa sorprenderti, e al risveglio, nevica a Natale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *